Archivi tag: Milano

Venditori di fumo il 6 novembre a Milano e il 20 novembre a Bari

Copertina Venditori di Fumo RIDContinuano le presentazioni di Venditori di fumo (siamo quasi a quota 50). Ecco i prossimi appuntamenti:

Venerdì 6 novembre, ore 20, Circolo Anarchico Ponte della Ghisolfa, in viale Monza 255 (M1 Precotto) a Milano.

Venerdì 20 novembre, ore 18,30, Libreria Campus, in via G. Toma 76 a Bari. Modera l’incontro Grazia Rongo di Telenorba. Interverranno Patty L’Abbate, presidente del Movimento Decrescita Felice di Bari e Alessandro Cannavale, Blogger de Il Fatto Quotidiano.

Domenica 25 ottobre Giuliano a Bookcity Milano

IMG_9075ritNella giornata di domenica 25 ottobre Giuliano sarà impegnato in due diversi eventi nell’ambito del festival Bookcity a Milano.

Alle 13, presso la Sala Buozzi della Camera del Lavoro (Corso di Porta Vittoria, 43) prenderà parte a “Le inchieste di Gemma Ranieri. Una storia di amianto”, conversando del romanzo “Una spiaggia troppo bianca” con l’autrice Stefania Divertito.

Intorno alle 19, presso 10 Corso Como (in Corso Como, 10!), parteciperà a “Milano per Dante. 100 voci per 100 canti“, lettura integrale della Divina Commedia da parte di 100 scrittori, artisti e intellettuali, a cura di Alberto Cristofori. Giuliano leggerà il Canto XXXII del Purgatorio.

“101 perché sulla storia di Milano” in edizione economica

copertina 101 percheDal 3 settembre 2015 è in libreria al prezzo di 5,90 euro l’edizione economica di “101 perché sulla storia di Milano che non puoi non sapere” (Newton Compton), il fortunato libro scritto da Giuliano insieme a Marco Dell’Acqua, pubblicato originariamente nel 2011.

Venditori di fumo: le presentazioni di novembre

Copertina Venditori di Fumo RIDIl calendario delle presentazioni di Venditori di fumo tenutesi a novembre 2014.

Giovedì 6 novembre, ore 21
Caffè letterario Melville
Via Dante Alighieri, 10
Piacenza
Modera Gabriele Dadati

Martedì 11 novembre, ore 18,30
Libreria Il mio libro
Via Sannio, 18 (M3 Lodi TIBB F.S.)
Milano
Modera Fernando Coratelli

Lunedì 17 novembre, ore 18,30
Icaro Bookstore
Via Cavallotti, 7/A
Lecce
Modera Raffaele Polo

Martedì 18 novembre, ore 18
Biblioteca Civica di Statte
Via del Castello ang. via Bengasi
Statte (TA)
Modera Giulia Galli

Mercoledì 19 novembre, ore 18,30
Libreria Feltrinelli
Via Melo, 119
Bari
Modera Osvaldo Capraro
Caviardage live di Mariella Sciancalepore

Giovedì 20 novembre, ore 20,30
Libreria Mondadori
Via De Cesare, 35
Taranto
Modera Rossella Tarquinio

Venerdì 21 novembre, ore 18,30
Libreria Gilgamesh
Via Oberdan, 45
Taranto
Modera Stefania Divertito

Domenica 23 novembre, ore 18
Officine Tarantine
Ex Baraccamenti Cattolica, Via Di Palma
Taranto

In libreria “Milano per i tuoi bambini”

10302539_411855645621009_8678074334176692842_n“Milano per i tuoi bambini. 265 idee per crescere bene in città”

Novecento Editore

Euro 9,90

Dal 6 giugno

di Lucia Tilde Ingrosso e Giuliano Pavone


Ordina da IBS Italia

“Milano per i tuoi bambini” è una guida ragionata – ma scanzonata – su tutto ciò che la città ha da offrire ai bambini e agli adulti con bambini, perché i più piccoli possano crescere serenamente cogliendone le grandi opportunità (troppo spesso nascoste).
Si tratta di uno strumento agile e pratico, di facile fruizione e intuitivo, in grado di rispondere a tutte quelle domande che una famiglia con bambini si pone: quali sono i locali che offrono un menù a misura di bambino? Dove sono i parchi con le aree giochi in cui portarli a divertirsi? E se invece è una fredda domenica autunnale, che si fa?
A queste e a molte altre domande troverete non una, ma 265 risposte nelle pagine di questo libro. Non una semplice raccolta di indirizzi, ma una guida ragionata, divertente e piacevole da leggere. Scritto a quattro mani da Lucia Tilde Ingrosso e Giuliano Pavone che, oltre a essere giornalisti e scrittori, sono soprattutto genitori.
Tra i capitoli troviamo “MangiaMI”, rassegna dei ristoranti più kid friendly, che offrono menù a misura di bambino con microporzioni o aree giochi e intrattenimenti; “VisitaMI”, che parla dei musei che organizzano mostre e laboratori dedicati o, più semplicemente, che godono di ampi spazi in cui i bambini possono scorrazzare mentre si affacciano al mondo dell’arte e della cultura; e ancora capitoli dedicati allo shopping per i più piccoli (“CompraMI”), con suggerimenti su dove conviene acquistare e quando, e molti altri ancora (ricordiamo ad esempio “LeggiMI”, “CuraMI”, “AmbientaMI”), che di… “MI” in “MI” disegnano sotto i nostri occhi la straordinaria ricchezza di una città che ha tutto, ma proprio tutto, se solo si sa dove andarlo a prendere. Perché i bambini non devono rinunciare a niente, compresi i giochi all’aperto o crescere a contatto con la natura solo perché vivono in città, anzi in una città come Milano.
E non è ancora tutto; la guida è corredata da idee, consigli, informazioni utili, indirizzi, siti internet, tabelle riassuntive e… le recensioni dei protagonisti, i bambini! Quindi non solo consigli da parte dei due autori, ma anche dei più piccoli, con l’innocenza e la sincerità che lascia sempre sbalorditi noi grandi.

Clicca qui per accedere alla pagina Facebook.

“Come la vedi, Taranto?”

_web_images_tarantoBIGArticolo pubblicato sul Quotidiano di Puglia.

Finite le vacanze, il fuorisede saluta la sua Taranto. Partendo, riflette sullo stato di salute della città, cercando una difficile sintesi fra elementi quasi sempre controversi. Proiettili sulla porta di Confcommercio, il caso Ilva che si trascina fra contraddizioni e rinvii. Ma anche un fervore di iniziative, piccole e grandi, forse i segnali di quel risveglio tanto atteso, solido perché parte dal basso.
Ambiente ed economia più che problemi sono macigni. Ma cultura, senso civico e partecipazione sono germogli molto promettenti, anzi talvolta fiori già sbocciati. Questo pensa il fuorisede, che però ha sensazioni, non certezze. E allora chiede a chi a Taranto ci vive. Ma non trova risposte univoche.
“Io la chiamo ‘la città morta’”, “Va sempre peggio”, gli dicono gli apocalittici, e sembra sempre che lo facciano con una punta di compiacimento, quasi con vanità.
“Si muovono tante cose”, “Una situazione impensabile anche solo due anni fa” ribattono altri.
“Tu come la trovi?” chiedono poi tutti, come se loro stessi, che a Taranto vivono, avessero bisogno di uno sguardo esterno per capirla.
E il fuorisede risponde, o forse pensa ad alta voce, snocciolando le esperienze di in un paio di settimane: senza essersi dato troppo da fare, ha accumulato una visita alle sale del Museo archeologico appena inaugurate, un corso gratuito di fumetti per sua figlia, un incontro con due romanzieri molto noti, una mostra fotografica e la pulizia di una spiaggia ad opera di un’associazione di volontari, saltando per mancanza di tempo il concerto di uno dei migliori jazzisti italiani. Inoltre ha visto due spazi nuovi, recuperati alla fruizione pubblica.
Il fuorisede conclude osservando che chi ha meno di quarant’anni sembra ragionare in modo più costruttivo di chi era giovane qualche tempo fa.
“Ma se i ragazzi sono tutti in via D’Aquino a chattare con lo smartphone” ribatte un apocalittico.
“Io invece ne ho visti tanti, proprio ieri, alla Torre dell’Orologio, che discutevano di decoro urbano e di sostenibilità ambientale” fa notare il fuorisede.
L’interlocutore cade dalle nuvole, e ammette candidamente di essere disinteressato a ciò che riguarda la città vecchia per via di quello che lui stesso definisce un antico pregiudizio. Spesso prima di lamentarsi basterebbe informarsi.
Sono molti poi quelli che si sono accorti del risveglio, ma che sostengono che è già iniziato il riflusso, e che comunque a darsi da fare sono sempre troppo pochi. Questo del contarsi è un altro punto critico. Chi sono e quanti sono quelli che dimostrano coi fatti di volere una Taranto diversa? Sono quelli del concerto del Primo Maggio? Quelli dei cortei? Quelli che hanno votato al referendum? O altri ancora? In ogni caso si tratta di decine di migliaia di persone e, se li si considera per quello che sono, cioè cittadini attivi e non semplicemente “quorum”, si capisce che non sono pochi. Forse a mancare non è la quantità, ma la consapevolezza del peso che si ha, e dei risultati già raggiunti. Se invece di inseguire un’impossibile unanimità della cittadinanza e sognare improbabili “chiamate alle armi” di massa, si mollassero definitivamente gli ormeggi, si vedrebbe che il vento in poppa non manca. E che molti “ignavi” si metterebbero a soffiare nelle vele.
Ormai lontano dalla città in cui è nato, il fuorisede ascolta una canzone di Lucio Dalla, dedicata alla grande città del nord in cui vive, e pensa che un verso si attaglierebbe perfettamente anche a Taranto: “Fra la vita e la morte continua il tuo mistero”.

Bookcity: il 22 novembre a Rozzano reading musicale con Alessandro Guido

Copertina13ridNell’ambito della grande rassegna Bookcity Milano, Giuliano e il cantautore Alessandro Guido saranno ospiti della biblioteca di Rozzano per un reading musicale in cui alla lettura di brani da “13 sotto il lenzuolo” e “L’eroe dei due mari” con sottofondo di chitarra si alterneranno le canzoni ironiche e trascinanti del musicista tarantino. L’appuntamento è alle 20,30 presso la biblioteca comunale in via Togliatti a Rozzano. Clicca qui per l’evento su Facebook.

La protesta a “casa” dei Riva

Clicca qui per leggere l’articolo d’apertura apparso sulla prima pagina del Quotidiano di Puglia del 26 gennaio, dedicato al presidio di protesta davanti alle sedi milanesi di Ilva e Riva Group.

Il calendario delle presentazioni

Ecco il calendario (passibile di aggiornamenti) delle presentazioni a cui Giuliano parteciperà nelle prossime settimane.

Giovedì 29 novembre, ore 21
Caffè letterario Cibo per la mente. Via Duomo 237/239, Taranto
(13 sotto il lenzuolo e L’eroe dei due mari)

Sabato 1 dicembre, ore 17
Scuola Popolare di Musica Ivan Illich, Bologna
(L’eroe dei due mari)

Martedì 4 dicembre
Libreria Ibs, Bergamo
(101 cose da fare in Lombardia almeno una volta nella vita)

Martedì 11 dicembre, ore 18
S.a. Newroz. Via Garibaldi, 72, Pisa
(L’eroe dei due mari)

Giovedì 20 dicembre, ore 18
Confcommercio, viale Magna Grecia 119, Taranto
(L’eroe dei due mari)

Venerdì 21 dicembre, ore 20
Libreria Gilgamesh, via Oberdan 45, Taranto
(L’eroe dei due mari)

Domenica 23 dicembre, ore 19,30
Docks 101, via Nardelli 101, Locorotondo (BA)
(13 sotto il lenzuolo)

Sabato 29 dicembre
Libreria Agorà, via Piave 38, Lizzano (TA)
(L’eroe dei due mari)

Mercoledì 2 gennaio
Galleria Comunale, Castello Aragonese, Taranto
Inaugurazione della mostra su L’eroe dei due mari

Mercoledì 16 gennaio
Wan Ghé, via Bastia 15, Milano
(13 sotto il lenzuolo)

Il video di Rai3 sulla Casa degli Omenoni

In un video andato in onda su Rai3 Lombardia la mattina del 3 maggio, Giuliano e Marco Dell’Acqua, autori di “101 perché sulla storia di Milano che non puoi non sapere”, hanno parlato della Casa degli Omenoni, singolare edificio nel centro di Milano. Clicca qui e trascina il cursore fino al minuto 23,53.

Il video di Rai3 sul Villaggio dei fiori

In un servizio andato in onda su Rai 3 Lombardia lo scorso 18 febbraio, Giuliano e Marco Dell’Acqua, in qualità di autori di 101 perché sulla storia di Milano che non puoi non sapere, hanno parlato del Villaggio dei fiori, quartiere popolare alla periferia ovest di Milano. Clicca qui e trascina il cursore fino al minuto 16,30.

Il video di Rai3 sul sommergibile Toti

E’ online il video del servizio realizzato da Rai3 Lombardia sul sommergibile Toti, visitabile presso il Museo della Scienza e della Tecnica di Milano. Giuliano e Marco Dell’Acqua parlano del Toti in qualità di autori di “101 perché sulla storia di Milano che non puoi non sapere”. Clicca qui. Il servizio è a partire dal minuto 16,40.

28 novembre: presentazione al Libraccio con Gianni Biondillo

Seconda presentazione milanese per 101 perché sulla storia di Milano che non puoi non sapere. Converserà con i due autori il famoso scrittore (e architetto) Gianni Biondillo. L’appuntamento è per lunedì 28 novembre alle 18 alla libreria Libraccio in viale Romolo 9.

101 perché Milano sul Corriere online

Anche il Corriere della Sera online dedica un articolo a 101 perché sulla storia di Milano che non puoi non sapere. Il pezzo è firmato da Carlo Baroni, lo stesso giornalista che ha introdotto la fortunata presentazione alla Fnac di Milano lo scorso 7 novembre. Clicca qui.

101 perché Milano sul Corriere della Sera

Sulla prima delle pagine di Milano del Corriere della Sera di giovedì 3 novembre, Severino Colombo ha firmato un articolo dedicato a 101 perché sulla storia di Milano che non puoi non sapere. Per leggerlo, clicca qui.

101 perché Milano: lunedì 7 presentazione alla Fnac

Lunedì 7 novembre alle 18, Giuliano e Marco Dell’Acqua presenteranno il loro ultimo libro nello spazio eventi della Fnac, in via Torino angolo via della Palla a Milano. Modererà l’incontro Giangiacomo Schiavi, vicedirettore del Corriere della Sera.

101 perché Milano di nuovo su Il Giornale

Dopo il paginone sulla cronaca di Milano, Il Giornale torna a parlare di 101 perché sulla storia di Milano che non puoi non sapere con un articolo firmato da Stefano Giani nella sezione cultura del sito. Clicca qui.

101 perché sulla storia di Milano che non puoi non sapere

Marco Dell’Acqua – Giuliano Pavone
101 perché sulla storia di Milano che non puoi non sapere

Pagine 288
Euro 14,90

101 perché sulla storia di Milano che non puoi non sapere, Dell’Acqua Marco; Pavone Giuliano, Euro. 14,90

Ordina da IBS Italia

Una Milano che pare correre senza sosta, svelata da 101 curiosissimi “perché”, che ripercorrono la sua storia, dalle origini lontane e sepolte nei secoli al presente complesso e pieno di cambiamenti. Una città che sembra a volte dimentica del suo passato ma che invece, scavando a fondo, si rivela ricca di storia, segreti, curiosità e appassionanti aneddoti. Dalla scrofa lanuta al ponte delle sirenette, da sant’Agostino alle cannonate di Bava Beccaris, da Leonardo da Vinci alla plastica, dal futurismo all’Amaro Ramazzotti, da Verdi a Bob Marley: 101 domande e risposte su Milano, 101 storie per conoscere e amare questa città, e per scoprire che ha ancora tanto, tantissimo da raccontare.

Introduzione
Una città in 101 perché. Piccole e grandi storie che insieme fanno la famosa Storia con la esse maiuscola. Per raccontare Milano, metropoli complessa, sedimentata, in continua trasformazione e perciò spesso difficile da interpretare, forse non c’era altro modo che scomporla in un elenco di domande, stimolanti e di immediata fruizione. Per poi scoprire – essendone sorpresi noi per primi – che di cose da dire su questa grande città ce ne sono sempre tante.
Personaggi, luoghi, eventi: ogni “perché?” cela uno spunto diverso. E il gioco è stato quello di miscelare mostri sacri e icone pop, monumenti celeberrimi e angoli nascosti, fatti storici epocali e semplici curiosità. Con la convinzione che questo insieme vivace e disordinato riesca in qualche modo a trasmettere l’attuale spirito della città. O perlomeno con la speranza che la lettura del libro restituisca il divertimento e la soddisfazione che abbiamo provato noi nello scriverlo.
Va detto che siamo una coppia di autori abbastanza atipica. Rispecchiamo due approcci differenti verso Milano: quello di chi vi è nato – e pensava di sapere molto di questa città – e quello di chi vi è arrivato alle soglie della maggiore età, con un po’ di “arretrati” da recuperare ma anche col bagaglio critico offertogli dal termine di paragone con altre realtà. Ma in fondo questa composizione “meticcia” non è essa stessa profondamente e autenticamente milanese?!
In questo lungo viaggio, dalla fondazione ai giorni nostri, ci siamo resi conto che Milano è stata sempre all’avanguardia: dalla tolleranza religiosa sino alla vendita degli elefanti; dalla nascita dei partiti e dei movimenti politici sino alla loro fine; dall’architettura alla comunicazione; dal Nobel per la pace a quello per la letteratura, passando per quello per la chimica e quello per la fisica. Solo che a volte – un po’ per modestia, un po’ per distrazione – sono proprio i milanesi i primi a dimenticarsene. E di conseguenza a non capire più la propria città, e a smettere di volerle bene. Ora hanno 101 motivi in più per non farlo.

M.D. G.P., settembre 2011

101 perché sulla storia di Milano che non puoi non sapere, Dell’Acqua Marco; Pavone Giuliano, Euro. 14,90

Ordina da IBS Italia