Archivi categoria: Libri

Il fumetto de L’eroe dei due mari è online

(Pdf scaricabile gratuitamente)

Nove anni fa usciva il romanzo “L’eroe dei due mari”, in cui Taranto e la questione Ilva venivano raccontati attraverso la storia di un grande calciatore che va a giocare in una piccola squadra.

All’inizio del 2012, con Carlo Gubitosa ed Emanuele Boccanfuso, si decise di trarre da quel romanzo un graphic novel, in cui il risveglio civile di Taranto attorno al caso Ilva – evocato dal romanzo e nel frattempo concretizzatosi sempre più anche nella realtà – avesse il massimo risalto.

“L’eroe dei due mari – Taranto, il calcio, l’Ilva e un sogno di riscatto” fu pubblicato nell’autunno del 2012, cioè subito dopo che – in seguito al sequestro dell’area a caldo Ilva e all’avvio del processo “Ambiente svenduto” – Taranto era diventata un caso mediatico nazionale e le sue strade si erano riempite di cittadini che protestavano e chiedevano giustizia, in modo non dissimile da quanto si raccontava nelle pagine del libro e del fumetto.

Ricordo ancora bene, e con commozione, l’atmosfera che si respirava all’affollatissima inaugurazione della mostra “Gli eroi dei due mari”, nella galleria del Castello Aragonese. Ricordo l’entusiasmo, le paure, le speranze.

Oggi, sette anni dopo, diverse cose sono cambiate a Taranto, alcune in peggio, altre in meglio. Molte altre, invece, sono rimaste uguali. E’ rimasta secondo me uguale – purtroppo e per fortuna – anche l’attualità de L’eroe dei due mari.
Per questo, con Carlo, Emanuele e tutti gli altri bravissimi disegnatori con cui ho condiviso quest’avventura, abbiamo deciso di mettere il graphic novel de L’eroe dei due mari – la cui versione cartacea è esaurita da lungo tempo – a disposizione di tutti sul web, rendendolo sfogliabile e scaricabile gratuitamente. Lo trovate qui.

Buona lettura, forza Taranto e… Cristaldi fangù.

Lutto libero

28059185_10215488626711833_702216940080200288_n“Perché l’unico modo che abbiamo per rispondere alla morte è la vita”

Esce per l’editore Gelsorosso un’antologia il cui ricavato verrà devoluto all’Ant. Giuliano partecipa con un racconto intitolato “La Dea”.

Da un’idea di Cristiano Carriero

Storie di:
Ezio Azzollini, Donato Barile, Matteo Bianconi, Matteo Caccia, Ilaria Calamandrei, Cristiano Carriero, Giusy Cascio, Michele Dalai, Tommy Dibari, Fabio Fanelli, Virginia Gaspardo, Marco Maddaloni, Marco Napoletano, Giulia Olivi, Fulvio Paglialunga, Giuliano Pavone, Claudio Pellecchia, Lucia Perrucci, Alessandro Piemontese, Francesco Poroli, Ferdinando Sallustio, Ivan Tabanelli, Roberto Venturini.

Prefazione del sociologo Andrea Fontana.
Illustrazione in copertina di Francesco Poroli.

Si può ricordare l’estate di un lutto come la più bella di sempre?
Si può tornare a sorridere dopo aver perso ciò che avevamo di più caro?
Ventitré autori rispondono, cercando nuovi occhi per guardare la morte, senza nascondere le ferite, scegliendo non di dimenticarla, ma di accettarla e, semmai, assecondarla.
Questo libro nasce da un’immagine: un tatuaggio sul braccio sinistro di Cristiano Carriero, l’ideatore dell’antologia. Al centro del tatuaggio, c’è un teschio messicano. Intorno, tanti fiori colorati che rappresentano la vita, la rinascita.
Ci sono tanti modi per raccontare la morte, che sia essa la perdita di una persona cara o la fine di un amore. In Lutto libero c’è la volontà di rispondere alla morte con l’ironia di chi non vuole scendere a compromessi per liberarsi in modo catartico di un momento durissimo, ma senza dimenticarlo. E soprattutto con il desiderio di tornare a sorridere, di abbracciare un amico, di fare l’amore perché «l’unico modo che abbiamo per rispondere alla morte è la vita».
Ventitré autori esorcizzano il loro lutto più grande in una raccolta di racconti piena di vitalità. Le storie sono firmate da scrittori come Michele Dalai, Matteo Caccia, Roberto Venturini, Giuliano Pavone, Tommy Dibari, Cristiano Carriero, da giornalisti come Fulvio Paglialunga (Raiuno) e Giusy Cascio (Tv Sorrisi e Canzoni), da blogger e influencer come Matteo Bianconi, Donato Barile, Alessandro Piemontese, accanto al pluripremiato vincitore di telequiz Ferdinando Sallustio e tanti altri.
Tutti insieme, per un grande obiettivo: aiutare Ant – Assistenza specialistica gratuita ai malati di tumore e alle famiglie con il ricavato delle vendite del libro.

‘Na sera e maggio di trent’anni fa

Napoli Campione d'ItaliaEppure, nonostante tutto, quando arrivò fu quasi incredulità. Una sensazione troppo grande per poter essere capita, spiegata, pensata come vera. Quei tre fischi furono un lungo, profondissimo brivido in cui tutti ci sentimmo uguali. Poi fu felicità, assoluta e incontenibile, che si sfogò per quasi due ore nel catino ribollente, nel tempio, con gli eroi a fare passerella e il popolo a celebrarli. Dopo, la gioia allagò la città, pronta ad accoglierla con l’abito della festa cucito con pazienza per settimane. E qualcosa di simile accadde in mille altre città del mondo, ovunque ci fosse almeno un tifoso azzurro. Era una dolcissima sera di maggio di venti anni fa, e il Napoli per la prima volta era campione d’Italia.

Trent’anni fa il Napoli vinceva il suo primo scudetto.
Dieci anni fa, per celebrarlo, usciva ‘Na sera ‘e maggio.

La quarta edizione di Inchiostro di Puglia!

IdP 4Inchiostro di Puglia, l’antologia di racconti pugliesi nata da un singolare esperimento dal basso, è arrivata alla sua quarta edizione, che si fregia di una nuova copertina con fondo bianco anziché azzurro. Il libro, firmato da oltre trenta fra i più interessanti autori pugliesi, si apre con l’incipit di “13 sotto il lenzuolo”, secondo romanzo di Giuliano, e contiene il suo racconto “Genius loci”. Lo si trova nella rete delle librerie aderenti al progetto e online esclusivamente sul sito dell’editore Caracò.

Inchiostro di Puglia: pronta la ristampa

885894_773782069387666_5353483075442627710_o
Dopo l’esaurimento, in pochi mesi, della prima tiratura, è di nuovo disponibile, nelle librerie aderenti alla rete, l’antologia “Inchiostro di Puglia”, naturale prosecuzione dell’omonimo progetto e blog curato e ideato da Michele Galgano.
Trentacinque racconti diversi nel genere, nel respiro, nel passo, che partendo dalla Puglia come un trerrote carico di storie, offrono una lettura veloce, che passa dal noir al verismo, dalla docufiction al fantasy, firmata da una squadra di autori pugliesi scelti con cura nel panorama nazionale.
Gli autori del libro, curato da Michele Galgano, sono: Giuliana Altamura, Cosimo Argentina, Pino Aprile, Sabrina Barbante, Antonella Caprio, Cristina Cardone, Cristiano Carriero, Vittorio Catani, Gianluca Conte, Fernando Coratelli, Maurizio Cotrona, Nino G. D’Attis, Tommy Dibari, Omar Di Monopoli, Raffaello Ferrante, Pietro Frenta, Gabriella Genisi, Lucia Tilde Ingrosso, Nicola Lagioia, Elisabetta Liguori, Alessandra Macchitella, Carlo Mazza, Giuseppe Merico, Adelmo Monachese, Francesco Muzzopappa, Renato Nicassio, Raffaele Niro, Leonardo Palmisano, Giuliano Pavone, Nicky Persico, Osvaldo Piliego, Vincenzo Sardiello, Davide Simeone, Simona Toma, Alessio Viola e Cristina Zagaria.
Il blog letterario Inchiostro di Puglia nasce nella primavera del 2014 grazie a un’idea di Michele Galgano (un lettore, non uno scrittore), un emigrato dalla Puglia a Milano, che, proprio perché lontano da “casa”, sente l’urgenza di costruire una guida sentimentale della sua terra. Il blog inizia a raggiungere un numero insospettabile di lettori, sia forti sia acerbi. Il progetto cresce e, nella sua semplicità, diventa un punto di riferimento per le librerie e per tutte le realtà culturali più attive sul territorio. Inchiostro di Puglia mette in rete: autori-lettori-librai. E tutto parte da un’idea e da una manciata di racconti. Ma quelle di Inchiostro di Puglia non sono descrizioni, sono storie. Messe insieme formano un mosaico da mostrare ai pugliesi – quelli che sono rimasti nella propria terra e quelli che l’hanno lasciata – ma anche a tutti i viaggiatori che non si accontentano delle bellezze da guida turistica e che della Puglia vogliono scoprire anche l’anima più vera e profonda e a chi ha magari solo voglia di stendersi su un divano, una panchina o sedersi in poltrona ed evadere, lontano da casa. In un anno sul blog sono state pubblicate tre serie di racconti, attraversando tutta la regione senza un ordine preciso. Questo libro proporrà invece un percorso geografico strutturato, riprendendo gli stessi scritti – rielaborati e in alcuni casi ampliati – e arricchendo la raccolta con nuovi lavori inediti.
Per una precisa scelta a favore delle librerie e del territorio, “Inchiostro di Puglia” viene venduto, senza il tramite di distributori, solo nelle librerie aderenti al progetto (elenco aggiornato sul sito di Inchiostro di Puglia). La vendita online avverrà solo attraverso il sito dell’editore Caracò, a prezzo intero più le spese di spedizione.

“101 perché sulla storia di Milano” in edizione economica

copertina 101 percheDal 3 settembre 2015 è in libreria al prezzo di 5,90 euro l’edizione economica di “101 perché sulla storia di Milano che non puoi non sapere” (Newton Compton), il fortunato libro scritto da Giuliano insieme a Marco Dell’Acqua, pubblicato originariamente nel 2011.

Inchiostro di Puglia: il libro

885894_773782069387666_5353483075442627710_oEsce il 15 giugno per l’editore Caracò l’antologia “Inchiostro di Puglia”, naturale prosecuzione dell’omonimo progetto e blog curato e ideato da Michele Galgano.
Trentacinque racconti diversi nel genere, nel respiro, nel passo, che partendo dalla Puglia come un trerrote carico di storie, offrono una lettura veloce, che passa dal noir al verismo, dalla docufiction al fantasy, firmata da una squadra di autori pugliesi scelti con cura nel panorama nazionale.
Gli autori del libro, curato da Michele Galgano, sono: Giuliana Altamura, Cosimo Argentina, Pino Aprile, Sabrina Barbante, Antonella Caprio, Cristina Cardone, Cristiano Carriero, Vittorio Catani, Gianluca Conte, Fernando Coratelli, Maurizio Cotrona, Nino G. D’Attis, Tommy Dibari, Omar Di Monopoli, Raffaello Ferrante, Pietro Frenta, Gabriella Genisi, Lucia Tilde Ingrosso, Nicola Lagioia, Elisabetta Liguori, Alessandra Macchitella, Carlo Mazza, Giuseppe Merico, Adelmo Monachese, Francesco Muzzopappa, Renato Nicassio, Raffaele Niro, Leonardo Palmisano, Giuliano Pavone, Nicky Persico, Osvaldo Piliego, Vincenzo Sardiello, Davide Simeone, Simona Toma, Alessio Viola e Cristina Zagaria.
Il blog letterario Inchiostro di Puglia nasce nella primavera del 2014 grazie a un’idea di Michele Galgano (un lettore, non uno scrittore), un emigrato dalla Puglia a Milano, che, proprio perché lontano da “casa”, sente l’urgenza di costruire una guida sentimentale della sua terra. Il blog inizia a raggiungere un numero insospettabile di lettori, sia forti sia acerbi. Il progetto cresce e, nella sua semplicità, diventa un punto di riferimento per le librerie e per tutte le realtà culturali più attive sul territorio. Inchiostro di Puglia mette in rete: autori-lettori-librai. E tutto parte da un’idea e da una manciata di racconti. Ma quelle di Inchiostro di Puglia non sono descrizioni, sono storie. Messe insieme formano un mosaico da mostrare ai pugliesi – quelli che sono rimasti nella propria terra e quelli che l’hanno lasciata – ma anche a tutti i viaggiatori che non si accontentano delle bellezze da guida turistica e che della Puglia vogliono scoprire anche l’anima più vera e profonda e a chi ha magari solo voglia di stendersi su un divano, una panchina o sedersi in poltrona ed evadere, lontano da casa. In un anno sul blog sono state pubblicate tre serie di racconti, attraversando tutta la regione senza un ordine preciso. Questo libro proporrà invece un percorso geografico strutturato, riprendendo gli stessi scritti – rielaborati e in alcuni casi ampliati – e arricchendo la raccolta con nuovi lavori inediti.
Per una precisa scelta a favore delle librerie e del territorio, “Inchiostro di Puglia” viene venduto, senza il tramite di distributori, solo nelle librerie aderenti al progetto (elenco aggiornato sul sito di Inchiostro di Puglia). La vendita online avverrà solo attraverso il sito dell’editore Caracò, a prezzo intero più le spese di spedizione.

Giuliano, Carmando e Maradona

11289390_931388106912539_2696138586096022207_oE’ uscito da pochi giorni, per Graf Edizioni, “Carmando. Le mani su D10S”, l’autobiografia che Salvatore Carmando, storico massaggiatore del Napoli e massaggiatore personale di Diego Maradona, ha scritto a quattro mani con Renato Camaggio. Giuliano, che ha seguito la genesi editoriale del libro, ne firma anche la prefazione. Ora del libro di Carmando parla anche Diego Maradona, in un post sul suo profilo Facebook: un grande onore!

E’ in arrivo il libro di Inchiostro di Puglia!

idpE’ in arrivo l’antologia di Inchiostro di Puglia.
36 autori per 35 racconti figli del progetto Inchiostro di Puglia ideato da Michele Galgano, che cura anche il libro.
Fra gli autori, oltre a Giuliano, Giuliana Altamura, Pino Aprile, Cosimo Argentina, Vittorio Catani, Omar Dimonopoli, Lucia Tilde Ingrosso, Nicola Lagioia, Francesco Muzzopappa, Alessio Viola, Cristina Zagaria.
Maggiori informazioni.

“Venditori di fumo” è in libreria

Copertina Venditori di Fumo RIDE’ uscito il 12 novembre per Barney Edizioni “Venditori di fumo. Quello che gli italiani devono sapere sull’Ilva e su Taranto”, il nuovo saggio di Giuliano Pavone. Il libro ha anche una pagina Facebook dedicata.

Ordina da Ibs Italia

Qui sotto, una sinossi.

Solo una cosa fa più rabbia della noncuranza con cui un’industria ha devastato ambiente e vite umane a fini di profitto: l’omertà e la connivenza di chi gliel’ha permesso.
In una telefonata intercettata, due membri della famiglia Riva, i proprietari dell’Ilva, usano l’espressione “vendere fumo”. Una formula involontariamente emblematica di una vicenda in cui alle emissioni nocive del grande stabilimento si aggiunge la cortina di disinformazione che le ha coperte.
Quella di Taranto e rimasta a lungo una tragedia silenziosa, schiacciata sotto il peso del ricatto occupazionale e di “relazioni pericolose” intrattenute dall’Ilva con quelli che dovevano essere i suoi controllori: sindacati, forze dell’ordine, organi di giustizia, stampa e la politica fino ai suoi più alti vertici nazionali. E a partire dal luglio 2012, quando sequestri e inchieste hanno finalmente acceso i riflettori sulla vicenda, dall’occultamento della realtà si e passati alla sua mistificazione.
Il caso Ilva viene troppo spesso rappresentato come una semplice vertenza occupazionale o una questione di politica industriale. I drammatici dati di malattia e di morte, che qualcuno contro ogni evidenza mette ancora in dubbio, vengono derubricati a fattore scatenante di un problema squisitamente economico, anziché essere considerati essi stessi il problema. L’operato della magistratura viene poi da molti considerato il frutto di una smania di protagonismo cocciuta e irresponsabile invece che un atto dovuto alla luce dell’incredibile gravità dei fatti.
L’Ilva è oggi il terreno su cui si misurano le vere priorità e la credibilità del nostro Paese. Una storia profondamente italiana, fatta di grandi opere e grandi omissioni, di scelte avventate e di malaffare, di cinismo e umanità, ignavia ed eroismo. Non solo Taranto, quindi, ma un caso di scuola che offre strumenti per interpretare alcune delle questioni oggi più dibattute e di riflettere a fondo sui rapporti fra politica, potere economico, giustizia e informazione.

“101… gravidanza”: la ristampa è in libreria

978-88-541-6414-7“101 cose da fare in gravidanza e prima di diventare genitori” (Newton Compton), scritto da Giuliano con Lucia Tilde Ingrosso e pubblicato in prima edizione nel 2011, è da pochi giorni stato ristampato in edizione economica, con una nuova copertina rigida. E’ in vendita al prezzo di 5 euro.


Ordina da IBS Italia

In libreria “Milano per i tuoi bambini”

10302539_411855645621009_8678074334176692842_n“Milano per i tuoi bambini. 265 idee per crescere bene in città”

Novecento Editore

Euro 9,90

Dal 6 giugno

di Lucia Tilde Ingrosso e Giuliano Pavone


Ordina da IBS Italia

“Milano per i tuoi bambini” è una guida ragionata – ma scanzonata – su tutto ciò che la città ha da offrire ai bambini e agli adulti con bambini, perché i più piccoli possano crescere serenamente cogliendone le grandi opportunità (troppo spesso nascoste).
Si tratta di uno strumento agile e pratico, di facile fruizione e intuitivo, in grado di rispondere a tutte quelle domande che una famiglia con bambini si pone: quali sono i locali che offrono un menù a misura di bambino? Dove sono i parchi con le aree giochi in cui portarli a divertirsi? E se invece è una fredda domenica autunnale, che si fa?
A queste e a molte altre domande troverete non una, ma 265 risposte nelle pagine di questo libro. Non una semplice raccolta di indirizzi, ma una guida ragionata, divertente e piacevole da leggere. Scritto a quattro mani da Lucia Tilde Ingrosso e Giuliano Pavone che, oltre a essere giornalisti e scrittori, sono soprattutto genitori.
Tra i capitoli troviamo “MangiaMI”, rassegna dei ristoranti più kid friendly, che offrono menù a misura di bambino con microporzioni o aree giochi e intrattenimenti; “VisitaMI”, che parla dei musei che organizzano mostre e laboratori dedicati o, più semplicemente, che godono di ampi spazi in cui i bambini possono scorrazzare mentre si affacciano al mondo dell’arte e della cultura; e ancora capitoli dedicati allo shopping per i più piccoli (“CompraMI”), con suggerimenti su dove conviene acquistare e quando, e molti altri ancora (ricordiamo ad esempio “LeggiMI”, “CuraMI”, “AmbientaMI”), che di… “MI” in “MI” disegnano sotto i nostri occhi la straordinaria ricchezza di una città che ha tutto, ma proprio tutto, se solo si sa dove andarlo a prendere. Perché i bambini non devono rinunciare a niente, compresi i giochi all’aperto o crescere a contatto con la natura solo perché vivono in città, anzi in una città come Milano.
E non è ancora tutto; la guida è corredata da idee, consigli, informazioni utili, indirizzi, siti internet, tabelle riassuntive e… le recensioni dei protagonisti, i bambini! Quindi non solo consigli da parte dei due autori, ma anche dei più piccoli, con l’innocenza e la sincerità che lascia sempre sbalorditi noi grandi.

Clicca qui per accedere alla pagina Facebook.

C’è un grande prato verde – Secondo tempo

Giuliano partecipa con un racconto a “C’è un grande prato verde – Secondo tempo”, l’antologia a cura di Carlo D’Amicis e pubblicata da Manni in cui 38 autori raccontano il campionato di calcio appena concluso, una giornata ciascuno. Fra gli altri autori, Roberto Alajmo, Fulvio Ervas, Bruno Gambarotta, Marco Malvaldi, Marco Missiroli, Aldo Nove, Marco Presta, Igiaba Scego.


Ordina da IBS Italia

La graphic novel in libreria

“L’eroe dei due mari. Taranto, il calcio, l’Ilva e un sogno di riscatto”, la graphic novel tratta dal primo romanzo di Giuliano, oltre ad essere ordinabile per posta (vedi qui) e ora disponibile in cinque librerie di Taranto, in una di Lucca e in una di Milano:

Taranto:
Libreria Dickens, via Medaglie d’oro, 129
Libreria Filippi, via Nitti, 8/C
Libreria Gilgamesh, via Oberdan, 45
Libreria Mandese, via D’Aquino, 142
Libreria Mondadori, via De Cesare, 37

Lucca:
Libreria Ubik, via Fillungo, 137/139

Milano:
Libreria Il mio libro, via Sannio, 18 (MM Lodi)

L’eroe dei due mari (la graphic novel)!

Dal 22 ottobre è possibile prenotare “L’eroe dei due mari. Taranto, il calcio, l’Ilva e un sogno di riscatto“, la graphic novel tratta dal primo romanzo di Giuliano. Edito dall’Associazione Altrinformazione e realizzato dai disegnatori – tutti tarantini – Emanuele Boccanfuso, Virginia Carluccio, Alberto Buscicchio, Gabriele Benefico, Walter Trono (la copertina è di Alessandro Vitti, il colore della copertina e la copertina interna sono di Edoardo Boccanfuso). La prefazione è di Alessandro Marescotti di PeaceLink. Più che una semplice versione a fumetti del romanzo, la graphic novel ne rappresenta un arricchimento, contenendo riferimenti ai più recenti sviluppi del “caso Ilva” ed essendo completata da una lunga appendice in cui si ripercorre tutta la storia dei rapporti fra Taranto e grande industria.
A metà tra il calcio moderno e quello di provincia, la bellezza e il degrado, il sorriso e il lutto, le vicende di Taranto diventano un simbolo delle lotte di tutti i sud del mondo impegnati a difendere la propria dignità contro poteri più grandi di loro.
Una coedizione tra l’associazione culturale Altrinformazione e il network ecopacifista PeaceLink, che ha fatto analizzare il “formaggio alla diossina” prodotto a Taranto nelle fattorie vicine all’Ilva.

Il volume è di 100 pagine e costa 10 euro (spese di spedizione incluse).
Sarà disponibile nelle librerie di Taranto e in alcune librerie italiane a partire dai primi di novembre (il prezzo consigliato per la vendita diretta è di 8 euro), ma è ordinabile fin d’ora attraverso questa pagina o contattando Giuliano.

13 sotto il lenzuolo

Giuliano Pavone
13 sotto il lenzuolo

Pagg. 224
Euro 16


Ordina da IBS Italia

Nel settembre 1982 a Sprusciàno, un insignificante paese della bassa Puglia, Federico Nugnes Peluso, ventiduenne rampollo di una famiglia nobile in decadenza, aspetta a riprendere gli studi universitari a Milano per lavorare, nel finale della stagione estiva, all’Hotel Paradise. In quel «candido eden cementizio di recente costruzione» stanno per iniziare le riprese di una delle ultime commedie sexy, in voga per un decennio ma ormai in declino: questa in lavorazione a Sprusciàno (senza ancora un titolo e con una troupe formata da personaggi variamente abbrutiti dalla vita) è particolarmente sgangherata e rappresenta il livello zero del genere. Ma nel cast spicca Morena Dani, starlette di secondo piano, che per avvenenza non ha nulla da invidiare alle più note Fenech, Cassini e Bouchet.
È proprio la presenza della bella del film ad accendere la miccia di una storia ritmata e irriverente legata alla finta vincita di un 13 miliardario che cambierà in maniera imprevedibile le vite dei protagonisti.
A distanza di trent’anni, Federico è un uomo di successo e ci racconta la fine della vicenda, svelando come il destino, battendo strade tortuose e sbilenche, sia l’unico a comandare la partita.
Come già ne L’eroe dei due mari, Pavone miscela con passione e lucidità gli ingredienti della migliore Commedia all’italiana: alla risata liberatoria fa da contraltare la riflessione amara e malinconica, ai riferimenti pop un lirismo intenso e calibrato in leggerezza. 13 sotto il lenzuolo è un affresco coinvolgente, in cui luoghi e caratteri si stagliano con straordinaria nitidezza. La Puglia, dai profumi e i cattivi odori ugualmente realistici, vive nella sua essenza di terra meticcia, fatta di meraviglie naturali e reminiscenze arcaiche, ma anche di abusi edilizi e piattume globalizzato. Federico Nugnes Peluso, “bravo ragazzo” gaudente e spregiudicato – di quelli che cadono sempre in piedi – attraversa, con i suoi pregi e difetti, trent’anni di storia nostrana come fossero il corridoio di casa propria. Perché, ci piaccia o no, l’Italia gli somiglia molto.