Home » Archivi

Articoli taggati con: Comitato cittadini e lavoratori liberi e pensanti

Novità, Scritti »

[27 lug 2013 | Nessun Commento | ]
La Notte della Taranta e l’alba di Taranto

L’idea di un’anteprima tarantina della Notte della Taranta come segno di vicinanza e attenzione alle questioni ambientali e occupazionali, ha un suo fascino e una sua nobiltà, ma ugualmente non convince. E per una volta il motivo non è il sentimento autarchico, provinciale e campanilista con cui i tarantini amano autoghettizzarsi, ma una serie di considerazioni perfettamente logiche.
In primis, la puzza di passerelle e strumentalizzazioni politiche arriva forte da Melpignano fino ai due mari, imponendosi anche sulle puzze autoctone di origine industriale. Il “papà” della Notte della Taranta è segretario …

Novità, Scritti »

[13 mag 2013 | Nessun Commento | ]
Premio Marcellino De Baggis: un bilancio

Intervista pubblicata dal Quotidiano di Puglia il 10 maggio 2013.
Si è conclusa con successo lo scorso 5 maggio la prima edizione del Premio Marcellino De Baggis, il festival internazionale del cinema documentario tenutosi nelle sale del MUDI – Museo Diocesano, in città vecchia. Ne abbiamo discusso con Mafe De Baggis, sorella del regista alla cui memoria è intitolato il premio e consulente di comunicazione specializzata in tematiche del web.
A bocce ferme, qual è il bilancio di questa prima edizione?

Ci riteniamo soddisfatti dell’afflusso, soprattutto considerando che si trattava di un …

In evidenza, Novità, Scritti »

[19 apr 2013 | Nessun Commento | ]
Adesso è qui la musica

Ecco il testo del commento sul Primo Maggio a Taranto, apparso sul Quotidiano del 19 aprile.
Sarebbe stato bello – e giusto – che anche Elio e le Storie Tese, oltre a tutti gli artisti molto noti già annunciati, partecipassero al concerto del Primo Maggio a Taranto. Pochi giorni fa la band milanese, con il suo nuovo brano “Complesso del Primo Maggio”, si è fatta beffe con il consueto sarcasmo della kermesse musicale di Piazza San Giovanni a Roma. La loro è stata una liberatoria dichiarazione di un sentimento che in …

Eventi, Novità, Scritti »

[5 feb 2013 | Nessun Commento | ]
Il Taranto day on tour sul Quotidiano

Ecco l’articolo uscito sul Quotidiano di Puglia del 5 febbraio, dedicato alla tappa bolognese del Taranto day on tour.
Si parla spesso del ruolo che lo sport, il calcio in primis, può svolgere nell’aggregare, sensibilizzare e chiamare all’azione la gente. Un ruolo importante, soprattutto a Taranto, in questo periodo confuso di paure e speranze. A volte viene il dubbio che si tratti di un alibi, poco più che una scusa utilizzata da tifosi incalliti per nobilitare la propria passione. Poi si partecipa a serate come quella di sabato scorso a …

Novità, Scritti, Senza categoria »

[26 gen 2013 | Nessun Commento | ]
La protesta a “casa” dei Riva

Clicca qui per leggere l’articolo d’apertura apparso sulla prima pagina del Quotidiano di Puglia del 26 gennaio, dedicato al presidio di protesta davanti alle sedi milanesi di Ilva e Riva Group.

Eventi »

[28 nov 2012 | Nessun Commento | ]
1 dicembre: L’eroe dei due mari a Bologna

Sabato 1 dicembre Giuliano e il disegnatore Emanuele Boccanfuso saranno a Bologna per parlare della graphic novel “L’eroe dei due mari. Taranto, il calcio, l’Ilva e un sogno di riscatto” nell’ambito dell’evento “Tre ruote in movimento”, una giornata dedicata a Taranto, alla sua lotta dal basso e a “quelli dell’Apecar”.
Dopo la presentazione, ci sarà un dibattito in cui la situazione di Taranto verrà raccontata dalla voce di due protagonisti, entrambi rappresentanti del Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti, attualmente una delle più interessanti realtà italiane di movimento autoorganizzato: Cataldo …

Novità, Scritti »

[14 ott 2012 | Nessun Commento | ]
Partecipare è già una vittoria

Qui sotto il testo dell’articolo uscito domenica 14 novembre sul Quotidiano di Puglia, a proposito della manifestazione al quartiere Tamburi di Taranto il giorno precedente.
Parte dal “Gambero”, il corteo, ma non va a ritroso. Punta in avanti, invece, con la schiena dritta, al ritmo lento ma inesorabile dell’ormai proverbiale Apecar. Si arrampica sul ponte della ferrovia, attraverso i magazzini e le vecchie case che chi non abita qui è abituato a vedere solo dal finestrino di una macchina. Attraversa tutti i Tamburi: il quartiere simbolo, il quartiere martire, il quartiere …