Archivio mensile:Gennaio 2013

“Ce stè ride, stuè?!” sul Quotidiano

Ecco il pezzo uscito in prima pagina sul Quotidiano (edizione tarantina) del 30 gennaio, a commento del colorito litigio fra dirigenti del Taranto FC verificatosi nella sala stampa dello stadio Iacovone.

Da domenica pomeriggio una nuova frase si fa largo prepotentemente nella gloriosa storia del calcio rossoblu. Dopo gli “sbroccoli” leggendari del Cavalier Pignatelli (“Manca l’amalgama? E accattàme pure a idde”) e quelli per intenditori di Donato Carelli (“Sono rimasto putrefatto”: intitolarono così anche un libro), dopo le profezie poco lungimiranti (“Stè parlate”, e poi gli avversari giocavano col sangue agli occhi) e le scene di lotta di classe à la D’Addario (“Tanto i giocatori non muoiono di fame”), è la volta di “Ce stè ride, stuè?!”.
Sarà che davvero non c’è niente da ridere, nel calcio e soprattutto altrove, sarà che ormai ne abbiamo viste di tutti i colori, ma la gazzarra fra dirigenti andata in scena nella sala stampa dello Iacovone sembra aver suscitato fra i tarantini più divertimento che sdegno. Piuttosto che curarsi della resa dei conti di una società di serie D, si preferisce godere dell’icastica musicalità di quella che è diventata la sua frase-simbolo.
“Ce stè ride, stuè?!” è tarantino nel suono – secco e scoppiettante – e nel senso. È un’espulsione di rabbia per somma di ammonizioni: io potrei (potrei…) pure tollerare che mi hai fatto incazzare, ma se mi fai incazzare e poi ridi pure “da sopra”, be’, no, questo è troppo. E il troppo, si sa, stroppia (spesso anche di mazzate).
Così, “Ce ste ride, stuè?!” si diffonde a macchia d’olio. Non sarà “Il dado è tratto” e neanche “I have a dream”, ma è perfetta per ricamarci su. C’è chi propone di inserirla come motto nello stemma della squadra o all’entrata dello stadio, chi fonda l’immancabile gruppo Facebook e chi addirittura la trasforma in un travolgente rap, su base Gangnam style. Il tarantino – che è sfottente ma anche autoironico – guarda, ascolta e, se gli scappa una risata, incassa con invidiabile fair play il suo bravo “stuè!”. Sa di esserselo meritato.

Torino 31 gennaio, Bologna 2 febbraio: i promo

Ecco i video promozionali delle prossime due serate di presentazione cui prenderà parte Giuliano, a Torino il 31 gennaio (clicca qui per l’evento Facebook) e a Bologna il 2 febbraio (clicca qui per l’evento Facebook).

I Romantici Fiumani sul Quotidiano

Clicca sull’immagine per leggere l’articolo/intervista, apparso sul Quotidiano di Puglia del 29 gennaio 2013, dedicato a I Romantici Fiumani, band tarantina dei primi anni 90, nota soprattutto per aver imbrattato i muri di mezza città!

Adriano Sofri parla dell’Eroe!

In un post sulla sua pagina di Facebook e nella sua rubrica su Il Foglio, Adriano Sofri ha citato L’eroe dei due mari, di cui ha recentemente acquistato una copia (versione a fumetti). Ecco l’ultima parte del suo scritto:

Sabato sera si apriva una mostra di fumettisti tarantini, molto bravi: alcuni di loro hanno collaborato a un libro sulla città, l’Ilva, il calcio e il sogno di riscatto, tratto da un romanzo di Giuliano Pavone, “L’eroe dei due mari”. L’eroe era un fuoriclasse del calcio, che tradiva l’amore dei tifosi, che imparavano a non aver bisogno di eroi. Così domenica sono andato a vedere la partita, Taranto contro Bisceglie, serie D, ha vinto il Taranto per uno a zero, non è stata una gran partita, ma il pubblico delle gradinate era interessante: quasi eroico. Un pubblico di bandiere, di bandiera. Qualcosa cova, in questa città.

La protesta a “casa” dei Riva

Clicca qui per leggere l’articolo d’apertura apparso sulla prima pagina del Quotidiano di Puglia del 26 gennaio, dedicato al presidio di protesta davanti alle sedi milanesi di Ilva e Riva Group.

2 febbraio: Giuliano a Bologna per “Taranto day on tour”

Il prossimo 2 febbraio Giuliano prenderà parte alla tappa bolognese del “Taranto day on tour”, il “filo rossoblu che unisce lo stivale” organizzato dalla Fondazione Taras 706 a.C..
Giuliano parlerà del suo ultimo romanzo, “13 sotto il lenzuolo”, e di “L’eroe dei due mari” in versione romanzo e in versione fumetto. La conversazione sarà l’occasione per parlare della situazione di Taranto, fra calcio, questione Ilva e voglia di partecipazione democratica.
In una sala dello spazio Menomale saranno esposte alcune tavole originali e altri materiali del fumetto “L’eroe dei due mari. Taranto, il calcio, l’Ilva e un sogno di riscatto”.
Nicola Grassi, collezionista e ideatore del Museo Rossoblu “Taranto Ti Amo” (www.solotaranto.it), curerà l’esposizione di significativi cimeli e rarità della storia rossoblù.
Dalle ore 23 spazio alla musica con Sciamano “SOPRA-VIVERE TOUR” + Brusc@ electronic experiment.
L’evento sarà condotto da Gianni Sebastio e ripreso dalle telecamere di Studio 100.
L’appuntamento è a partire dalle ore 20 presso lo spazio Menomale, in via de’ Pepoli 1, nel centro di Bologna.
Clicca qui per visualizzare l’evento su Facebook.
Qui sotto, lo spot della serata.

31 gennaio: L’eroe dei due mari a Torino

Giovedì 31 gennaio sarà a Torino per parlare di L’eroe dei due mari, del resto della sua produzione e della situazione di Taranto, in un incontro della rassegna “un po’ di Taranto a Torino” organizzata da Piero Bello. L’appuntamento è per le 20,45 presso il teatro della parrocchia di San Giorgio Martire, in via Barrili 12. Clicca qui per visualizzare l’evento su Facebook.

Rassegna stampa degli eventi tarantini

Ecco una parziale rassegna stampa relativa agli ultimi eventi relativi a “13 sotto il lenzuolo” e “L’eroe dei due mari” nel periodo natalizio a Taranto e dintorni.
Clicca qui per leggere uno degli articoli con cui il Quotidiano di Puglia ha lanciato la mostra “Gli eroi dei due mari”, tenutasi dal 2 al 6 gennaio alla Galleria Comunale del Castello Aragonese.
Clicca qui per l’articolo apparso su Taranto Sera su “Eravamo tre amici al bar”, la “jam session” di Giuliano, Alessandro Guido e Claudio Frascella al Caffè letterario Cibo per la Mente il 3 gennaio.
Clicca qui per un video sulla serata dedicata a “L’eroe dei due mari”, il 4 gennaio al bar-libreria Nomine Rosae di Castellaneta, a cui hanno preso parte anche Carlo Gubitosa e Alessandro Marescotti.
Clicca qui per il resoconto dell’inaugurazione della mostra “Gli eroi dei due mari”, apparso sul Corriere del Giorno a firma di Giuseppe Mele.

13 sotto il lenzuolo: il 16 gennaio presentazione al Van-Ghè di Milano

Mercoledì 16 gennaio dalle 19,30 presso il Van-Ghè di Milano (via Bastia 15, MM gialla Lodi) Giuliano converserà con Giovanni Choukhadarian sul suo ultimo romanzo, 13 sotto il lenzuolo. Sono in programma aperitivo e accompagnamento musicale “anni 70” di Paolo Pedrali e Giusva. Ingresso € 6 (erogazione liberale) + € 2 (tessera associativa valida 12 mesi). Clicca qui per l’evento su Facebook.